VALUTAZIONE DI UN SERVIZIO DI PULIZIA PROFESSIONALE IN AMBITO CIVILE: ANALISI COMPARATIVA MICROBIOLOGICA ED AMBIENTALE TRA METODI TRADIZIONALI E “GREEN”

  • Asia Rosatelli Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e della Terra, Università di Milano-Bicocca, Piazza della Scienza 1, 20126
  • Erika Bruno Università di Milano Bicocca, Dipartimento di Medicina e Chirurgia, 20900, Monza, Italia
  • Luciano Vogli Punto 3 Srl, 44121, Ferrara, Italia
  • Beatrice Bandera Punto 3 Srl, 44121, Ferrara, Italia
  • Cesare Buffone Punto 3 Srl, 44121, Ferrara, Italia
  • Andrea Franzetti Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e della Terra, Università di Milano-Bicocca, Piazza della Scienza 1, 20126
Parole chiave: PULIZIA, SANIFICAZIONE, SOSTENIBILITÀ, LCA, MICROBIOLOGIA

Abstract

Le superfici contaminate rappresentano una delle vie principali attraverso cui virus e batteri possono diffondersi. Un buon protocollo di pulizia e sanificazione è fondamentale al fine di preservare una superficie igienica e sanificata in spazi comuni così da limitare la trasmissione di agenti patogeni.  Tuttavia, il processo di sanificazione e pulizia delle superfici può comportare degli impatti ambientali significativi. In Italia, i Criteri Ambientali Minimi (CAM) rappresentano un importante strumento normativo per promuovere la sostenibilità ambientale negli appalti pubblici e privati. Nel contesto della pulizia e della sanificazione delle superfici, i CAM – Criteri Ambientali Minimi- possono guidare verso l'adozione di prodotti e metodi a basso impatto ambientale, promuovendo pratiche più sostenibili. In questo lavoro, un protocollo “GREEN”, sviluppato secondo i CAM, è stato valutato, mediante la sua applicazione in un contesto di pulizia civile. La valutazione è stata effettuata sia dal punto di vista ambientale attraverso un’analisi di Life Cycle Assessment (LCA), che dal punto di vista igienico-microbiologico, quantificando i batteri eterotrofi totali a 22°C e a 37°C a seguito di un campionamento esteso a 12 superfici presso l’edificio BL27 del campus Bovisa La Masa del Politecnico Milano. Lo studio è stato effettuato in modo comparativo rispetto ad un protocollo di pulizia più tradizionale e ha dimostrato l’efficacia del protocollo “GREEN”, adeguata alla destinazione dell’uso dell’area considerata, nell’abbattimento e nel mantenimento delle cariche batteriche al di sotto del valore preso di riferimento in questo studio di 80 UFC cm-2 e tramite l’analisi LCA una significativa riduzione (29 g di CO2 per metro quadro) dell’impronta di carbonio, che nello scenario di applicazione del protocollo all’intero cantiere pilota porterebbe all’abbattimento di 311 kg di CO2 emessa.

Pubblicato
17-01-2024
Sezione
Articoli di ricerca