ANALISI DEI METODI DI INTEGRAZIONE DEGLI INDICATORI ECONOMICI E AMBIENTALI

Contenuto principale dell'articolo

Paula Martina Barbato
Lucia Rigamonti

Abstract

La valutazione della sostenibilità di un processo produttivo sarebbe facilitata dalla disponibilità di strumenti in grado di rappresentarne le prestazioni economiche e quelle ambientali attraverso un unico indicatore. L’obiettivo dell’articolo è proprio quello di identificare la tecnica più indicata a valutare un sistema considerando contemporaneamente la dimensione ambientale e quella economica. In questo modo sarebbe possibile individuare, laddove necessario, qual è l’alternativa migliore tra una serie di opzioni aventi la stessa funzione. Tramite una ricerca bibliografica si sono individuati i seguenti metodi d’integrazione: i) ottimizzazione vettoriale; ii) eco-efficienza; iii) Metodi-Decisionali Multi Attributo (MDMA). I tre differiscono sia per lo scopo con cui viene condotta l’analisi che per il formato degli esiti. Pertanto, la scelta del metodo è funzione del tipo di problema che si intende risolvere. L’ottimizzazione vettoriale e l’eco-efficienza non consentono realmente di integrare le due sfere, dato che il primo le valuta in maniera indipendente e il secondo ne definisce solamente il rapporto. La sola tecnica a fornire un unico punteggio che rispecchi davvero le prestazioni complessive di un sistema è quella dei MDMA, la quale include nell’analisi anche i giudizi dei decisori tramite l’uso di coefficienti di ponderazione. La fase di definizione dei pesi dev’essere svolta con estrema cura, in quanto estremamente delicata. Solo in questo modo è possibile determinare dei coefficienti che rispecchino realmente le preferenze dei decisori oppure, secondo un discorso più generale, le politiche in atto. I giudizi espressi, tuttavia, sono spesso imprecisi, provocando un aumento dell’incertezza della valutazione. A ragion di ciò, si è scelto di analizzare un metodo in particolare, ovvero quello del FAHP&TOPSIS, il quale riduce gli effetti causati dall’uso di dati approssimativi grazie all’applicazione della teoria degli insiemi fuzzy.

Dettagli dell'articolo

Sezione
Articoli di ricerca