UTILIZZO DI SURFATTANTI PER IL RISANAMENTO DI SUOLI CONTAMINATI DA IDROCARBURI

Contenuto principale dell'articolo

Federica De Marines
Daniele Di Trapani
Gaspare Viviani

Abstract

Obiettivo del presente lavoro è stato quello di valutare l’effetto dell’utilizzo di un tensioattivo non-ionico, il Polisorbato 80 (Tween 80), e di uno anionico, il Sodium Dodecyl Benzensulphonate (SDBS), ai fini del risanamento di un suolo sabbioso contaminato artificialmente da idrocarburi. In particolare, sono stati valutati i rendimenti di estrazione dal suolo contaminato e le caratteristiche di fitotossicità dopo lavaggio. L’attività sperimentale è stata condotta su un apparato sperimentale a scala di laboratorio simulante un intervento di Soil Flushing, testando gli effetti di diverse concentrazioni di tensioattivo e di diverse portate di lavaggio. Al termine di ciascun test sono state eseguite analisi per la determinazione delle concentrazioni residue degli idrocarburi in fase solida; inoltre, i campioni di suolo trattati sono stati sottoposti a test di fitotossicità mediante misura dell’indice di germinazione (IG). I risultati ottenuti hanno mostrato che l’utilizzo di entrambi i tensioattivi ha permesso di raggiungere elevati rendimenti di rimozione dei TPH dal suolo. In particolare, con riferimento al Tween 80, l’efficienza di rimozione è aumentata all’aumentare sia della portata di lavaggio, sia della concentrazione di tensioattivo, fino a raggiungere valori prossimi al 51%. Tale risultato è apparso non in linea con quelli ottenuti nelle prove effettuate con l’SDBS in cui, superata una soglia di concentrazione ottimale del tensioattivo, si è osservata una riduzione delle efficienze di rimozione. Inoltre, i valori di IG ottenuti hanno mostrato che i due tensioattivi hanno effetti diversi in termini di fitotossicità residua del suolo trattato: il Tween 80, infatti, contrariamente all’SDBS (risultato tossico e scarsamente biodegradabile), sembrerebbe favorire la germinazione dei semi in quanto, contenendo carbonio potenzialmente biodisponibile, determinerebbe un più efficiente assorbimento dei nutrienti da parte dell’apparato radicale.

Dettagli dell'articolo

Sezione
Articoli di ricerca