STUDIO DI OTTIMIZZAZIONE PER IL TRATTAMENTO BIOLOGICO DI AREE DESERTICHE CONTAMINATE DA IDROCARBURI

Contenuto principale dell'articolo

Federica Brogioli
Cosimo Masini

Abstract

Il progetto si svolge in alcune aree desertiche del Kuwait, nel Golfo Persico, dove il suolo è contaminato da idrocarburi petroliferi totali (TPH). L'obiettivo è dimostrare che il biorisanamento può raggiungere gli obiettivi di bonifica richiesti, ottimizzare l'efficienza del processo e progettare il layout dell'impianto di biorisanamento a scala reale. Analisi metagenomiche, in combinazione con test su mesocosmi e un impianto pilota innovativo, vengono utilizzate per studiare i processi biologici responsabili della degradazione del TPH e per testare le diverse condizioni di processo. Il progetto consiste in due fasi: caratterizzazione dei suoli e test di laboratorio, seguiti da test in campo dei protocolli di trattamento più validi. È stata creata una coltura autoctona arricchendola di specie competenti per la degradazione del TPH, da utilizzare come materiale per bioaugmentation. L'analisi metagenomica ha evidenziato le tassonomie dominanti nei suoli e le loro capacità enzimatiche per la degradazione degli idrocarburi. Le specie batteriche dominanti sono risultate essere Pseudomonas (39%), Bacillus (18%) e Acinetobacter (10%), con enzimi alcano monoossigenasi, perossidasi decolorante e catecolo 1-2, diossigenasi. La coltura autoctona selezionata è risultata principalmente caratterizzata da Bacillus (79%) e Pseudomonas (7%). Concentrazioni target di TPH (inferiori a 10.000 mg/kg) sono state raggiunte, dopo 5 mesi, solo nei mesocosmi di prova inoculati con la coltura autoctona, con valori finali di TPH di 300 mg/kg rispetto a una concentrazione iniziale di 34.000 mg/kg. Il protocollo di trattamento è stato testato anche su scala di campo, ottenendo risultati simili. Infine, i protocolli di trattamento selezionati sono stati testati con il sistema RoboNova®, mentre l'impianto di trattamento in scala reale e i bioreattori per la preparazione dell'inoculante sono stati messi in funzione presso il sito.

Dettagli dell'articolo

Sezione
Comunicazioni tecnico-scientifiche