“LIVING LABS”: UNO STRUMENTO DI INNOVAZIONE PER SOCIETÀ WATER-SMART

  • Francesca Malpei Politecnico di Milano DICA
  • Desdemona Oliva Gruppo CAP
Parole chiave: Innovazione, laboratorio

Abstract

L’attuale società deve far fronte alla crescente domanda di acqua e benessere, in un contesto di cambiamento climatico, dinamica demografica, urbanizzazione e presenza di inquinanti vecchi e nuovi. Si impongono profondi cambiamenti, per garantire la sicura disponibilità di risorse idriche, adeguate in quantità e qualità ai fabbisogni di oggi e domani e che possono diventare una realtà tangibile innanzitutto attraverso la capacità di ricerca e d’innovazione che ha da sempre contraddistinto la storia umana (Lovins et al., 2009).

In parallelo ed in stretta connessione con la necessità di prevenire e controllare le situazioni di stress idrico quali-quantitativo, si impone la necessità di cambiare l’approccio “take, make, waste” in quello della chiusura dei cicli, del recupero di materia e di energia.

Le mutate esigenze che si prospettano richiedono un’evoluzione del servizio idrico integrato, che pur svolgendo naturalmente il proprio ruolo principale attraverso le consuete azioni di captazione, adduzione e distribuzione per l’acqua potabile e di raccolta e depurazione per le acque reflue, in accordo alle normative vigente, deve acquisire nuove funzioni come ad esempio la possibilità di produrre risorse e non rifiuti, la capacità di gestire il rischio sanitario esteso all’intera filiera idrica, l’attitudine proattiva alla protezione dell’ambiente.

Sono quindi necessarie innovazioni su vasta scala e in diversi ambiti, unite alla buona gestione e all’ottimizzazione di quanto già esiste, è operabile ed è disponibile.

Biografia autore

Francesca Malpei, Politecnico di Milano DICA

Laureata in Ingegenria Civile Idrulica al Politecnico di Milano, Dottore di Ricerca in Ingegneria Sanitaria Ambientale, ricercatrice e, dal 2005, Professore Ordinario SSD ICAR/03 presso il Politecnico di Milano, titolare del corso di Trattamento delle Acque di Rifiuto (LM Ingegneria Ambientale).

Interessi di ricerca: digestione anaerobica fanghi, reflui industriali, FORSu e sottoprodotti; trattamenti biologici avanzati, membrane e bioreattori a membrana; farmaci e contaminanti emergenti

LIVING LAB
Pubblicato
2019-10-16