LA GESTIONE SOSTENIBILE DI GRANDI EVENTI SPORTIVI

  • Roberto Cavallo E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
  • Emanuela Rosio E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
  • Luigi Bosio E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
  • Andrea Pavan E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
  • Lorenzo Ardito E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
  • Giada Fenocchio E.R.I.C.A. soc. coop., Alba
Parole chiave: rifiuti, littering, raccolta differenziata, TAG RFID, manifestazioni sportive

Abstract

La realizzazione di eventi sportivi con una elevata risonanza sportiva e mediatica, determina, tra gli impatti che ricadono sull’ambiente, la generazione di un cospicuo quantitativo di rifiuti, in un contesto che spesso coinvolge al contempo spazi urbani e naturali. La corretta gestione di questo flusso rappresenta una sfida interessante in relazione a diversi fattori: la circostanza particolarmente  dinamica in cui viene attuata, il potenziale quantitativo di rifiuti riciclabili che può essere collettato e la limitazione del fenomeno del littering che può essere realizzata. È proprio in questo ambito, che E.R.I.C.A. soc. coop. ha sviluppato, negli ultimi anni, una positiva esperienza di gestione sostenibile, con l’ottenimento di ottimi risultati nell’attuazione di soluzioni innovative, adatte a contesti come il Giro d’Italia, in cui è attiva la raccolta differenziata nelle varie tappe, attraverso il progetto Ride Green in collaborazione con RCS Sport, e le competizioni quali il Tot Dret nell’ambito del Tor Des Géants e il Grand Trail di Courmayeur, organizzate da Valle d’Aosta Trailers (VDA Trailers) e in cui è stato introdotto un progetto di sostenibilità ambientale, EcoLoTor, comprendente anche un sistema di tracciabilità dei rifiuti e monitoraggio degli abbandoni.

Pubblicato
04-04-2019
Sezione
Comunicazioni tecnico-scientifiche